SEI PASSI NELLA NEBBIA

Francesco G. Lugli
dbooks.it
libro €7,50
ebook € 1,99

Incubi e deliri all'ombra della Madonnina
Dal co-autore de Il codice Beatles
Prefazione di Andrea Carlo Cappi

Guarda il booktrailer di Sei passi nella nebbia su YouTube
Guarda il booktrailer del racconto Bambinate su YouTube

Acquista l'edizione in volume su ibs.it
Acquista su MediaWorld la versione epub
Acquista su Amazon la versione kindle


Vampiri, mostri, serial killer, sicari e possessioni demoniache, tutto rigorosamente in salsa meneghina. In molti non lo sanno, ma esiste una Milano nascosta. Una Milano che pulsa, respira, vive, ma soprattutto sopravvive all’ombra della Madonnina. Una Milano che non ti aspetti o, visti i tempi, forse sì. Una Milano dove germogliano fiori tra le crepe del cemento e appassiscono anime tra la fioritura di indifferenza e falso business. Una Milano dove sbocciano abomini architettonici accanto a capolavori senza tempo, e viceversa. Una Milano da respirare e temere, da riscoprire, da rivalorizzare, da dimenticare. La Milano da bere della pubblicità è ora una Milano da sorseggiare con moderazione, senza esagerare. Ubriacante commistione di compromessi. Si è tutti a rischio congestione. Una roulette russa: una sorsata su sei può essere letale, quando va bene. Sorsate salate come il mare e gli affitti del centro, ormai esteso fino alla periferia di qualche anno fa. Ieri, hinterland malfamata per i meno abbienti, oggi centro malfamato venduto a prezzo d’oro, spacciato per zona vista Duomo, ma solo quando non c’è la nebbia. Le cose cambiano, le case aumentano, le case chiuse aprono. Le case aperte… chiudono. Le caso occupate vengono sfollate, le case sfollate vengono occupate. È tutto un viavai di sensazioni, sapori, miasmi, trasmissioni in bianco e nero colorate artificialmente.
La notte milanese a volte fa paura e, di tanto in tanto, per non far torto a nessuno, anche il giorno non è da meno. In questa città, dove le contraddizioni vivono forzatamente sottovuoto tra spintoni e dialetti reciprocamente incomprensibili, ci sono storie sommerse che nessuno ha mai raccontato, un po’ per pigrizia, un po’ perché è meglio che restino celate tra la grigia distesa di asfalto, foschia e solitudine chiassosa che attanaglia la nostra bella e amata Milano.
Ma non è tutto da buttare qui dove il sole filtra tra la coltre di smog che soffoca il respiro, anzi… Milàn l’è un gran Milàn, ma… occhi aperti!

Qui sotto il booktrailer di Sei passi nella nebbia, interpretato da Elisabetta Friggi, Stefano Di Marino e Andrea Carlo Cappi


Questo sito non rappresenta una testata giornalistica con cadenza periodica e non è da considerarsi
un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici, per saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi, clicca sul link Maggiori info. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll, chiudendo questo banner o cliccando sul pulsante "Accetta", invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information